martedì 3 dicembre 2013

Torta d'autunno


Talvolta mi piace sperimentare, provare abbinamenti ed accostamenti nuovi, utilizzare ingredienti che nella quotidianità non sono solita adoperare e così succede che nasca qualcosa di interessante.
Avevo voglia di celebrare l'autunno, con i suoi splendidi colori ed ho pensato di racchiudere dentro a questa torta alcuni sapori che a me ricordano questa bella stagione: la farina di castagne, che ho voluto abbinare alla farina di Kamut, le mele e gli amaretti...e poi per rendere il tutto ancora più goloso ho aggiunto delle gocce di cioccolato!
Il risultato è stata una torta rustica, dal sapore particolare, non troppo dolce, che si abbina bene ad una bella tazza di the fumante...
 
 
 

Ingredienti

185 g di farina di castagne
225 g farina di kamut
90 g di zucchero
120 g di burro
300 ml di latte
3 uova
1 bustina di lievito
90 gr di amaretti
80 g di gocce di cioccolato
3 mele


Procedimento

Sciogliere il burro a fuoco dolce e farlo raffreddare.
Sbriciolare gli amaretti, senza però ridurli in farina.
Mescolare insieme tutti gli ingredienti, ottenendo un impasto omogeneo.
Sbucciare le mele e tagliarle a cubetti; versare le mele nel composto e mescolare per amalgamare.
Imburrare ed infarinare una tortiera e versarvi l'impasto.
Cuocere a fuoco preriscaldato a 180° (forno statico) per circa 35-40 minuti.
Verificare la cottura con uno stuzzicadenti.
Lasciar raffreddare completamente prima di servire.


lunedì 25 novembre 2013

Altro binomio perfetto...

...cioccolato e ...
E si, per gli amanti del cioccolato, come me, non ci sono confini!
Il cioccolato, soprattutto amaro, in abbinamento alla frutta, che sia fresca o secca, è davvero delizioso!
Questa volta l'ho declinato con le clementine e la marmellata di arance per realizzare questa simil sacher leggera, senza burro e senza uova, che avevo letto nei miei giri sul web, ormai già quasi un anno fa, sul blog di Genny, e mi era piaciuta tantissimo; ma non avevo ancora avuto l'occasione di provarla.
Complice una spesa al mercato particolarmente fortunata, in cui ho trovato delle clementine molto dolci, ed una cena con amici, che sono le mie cavie preferite, ecco che questo weekend è trascorso in dolcezza, riscuotendo l'approvazione di tutti!


 
 
Ingredienti
 
340 g di farina 00
250 g di zucchero
150 ml di acqua
200 ml di succo di clementine
la scorza grattugiata di 2 clementine
90 ml di olio di oliva
1 bustina di lievito
2 cucchiai di cacao amaro
 
200 g di marmellata di arance
150 g di cioccolato amaro
 
 
Procedimento
 
Mescolare l'acqua con il succo e la scorza grattugiata di clementine, l'olio e lo zucchero. In un'altra terrina mescolare la farina con il cacao ed il lievito.
Unire i liquidi alla miscela di farina e mescolare con le fruste elettriche per ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
Imburrare ed infarinare una teglia, versarvi l'impasto e cuocere in forno preriscaldato a 160° (forno statico) per circa 40 minuti, controllando la cottura con uno stuzzicadenti.
Far raffreddare completamente e tagliare a metà nel senso della lunghezza, spalmare la marmellata di arance e ricoprire la torta con il cioccolato amaro sciolto a fuoco dolce.
 

giovedì 14 novembre 2013

Treccine alla zucca

Mi fa sorridere pensare a queste treccine...perché, ad esser sincera, non sono tra i miei biscotti preferiti (nella mia "top ten" ne metterei altri -decisamente più "goduriosi"-), ma a mia figlia, che non ama i dolci, sono piaciute tantissimo... ...sarà perché di zucchero ce n'è davvero poco? O forse perché effettivamente hanno un sapore completamente diverso da tutti gli altri biscotti che avevo sperimentato fino ad ora...il risultato è che a casa sono finite velocemente.
Se cercate un altro modo per consumare la zucca, che in questo periodo dell'anno è una delle protagoniste della nostra tavola, questi biscotti fanno proprio per voi!
 
 


Ingredienti

250 gr di polpa di zucca
125 gr di zucchero
500 gr di farina 00
170 gr di burro
1 uovo
1 bicchierino di limoncello

 
Procedimento
 
Cuocere la zucca in una pentola con 50 gr di zucchero e il limoncello. Schiacciare con una forchetta e lasciar raffreddare.
Impastare la farina con lo zucchero rimasto, il burro, l'uovo e la polpa di zucca.
Mescolare e lavorare l'impasto con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo.
Formare una palla con l'impasto, avvolgerla con della pellicola e farla riposare in frigorifero per un'ora.
Stendere la pasta e ritagliarne dei bastoncini piuttosto sottili, quindi intrecciarli per conferire la forma di treccina e disporli su una teglia ricoperta con carta da forno. Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 15 minuti.
Far raffreddare e conservare in una scatola di latta.
Si conservano per diversi giorni.
 

giovedì 7 novembre 2013

quadrotti corn flakes e cioccolato


Anche quest'anno è arrivato (quasi) il giorno del compleanno della nostra figlia grande...domenica compirà 10 anni e non mi par vero!
Il suo regalo sarà qualcosa di davvero speciale, come speciale è lei con i suoi occhioni azzurri, la sua dolcezza e il suo grande senso di responsabilità che la rendono davvero unica!
Per questo weekend quindi sono previsti grandi festeggiamenti con i suoi (e i nostri) amici e con i nonni...non possono allora mancare i dolci...più che altro per gli amici, perché lei non è una grande amante delle torte...per lei festeggiare vuole dire mangiare...le lasagne!!! 
Se da piccola non assaggiava neppure un dolce, crescendo incomincia ad apprezzarne qualcuno e, così, su sua richiesta, ne preparerò uno che, seppur semplicissimo, la renderà felice!
Per ora vi mostro uno di quelli che compariranno sulla tavola domenica.
 
 


Ingredienti per circa 30 quadrotti

450 gr di cioccolato fondente
250 gr di corn flakes

 Procedimento

Mettere i corn flakes e il cioccolato in due contenitori separati nel forno alla temperatura di circa 120°. Quando il cioccolato sarà fuso toglierlo dal forno.
Allo stesso tempo togliere dal forno anche i corn flakes e stropicciarli con le mani per sminuzzarli il più possibile.

In un unico recipiente unire i corn flakes e il cioccolato e mescolare con molta cura fino a quando il composto sarà completamente omogeneo.

Disporre l’impasto in una teglia unta di olio e compattarlo, appiattendolo con il dorso di un cucchiaio fino ad ottenere una superficie liscia. Mettere la teglia nel frigorifero e attendere almeno 6 ore prima di riprendere la torta e di dividerla in quadrotti. Servila fredda.

Se conservata in frigorifero, in un contenitore ermetico, si mantiene ottima per una settimana.

martedì 29 ottobre 2013

mini dolcetti al cioccolato, nocciole e lamponi

Per una cena tra amici di vecchia data.
Per coccolarli a modo mio.
Dei delicati dolcini alla nocciola e cioccolato la cui dolcezza smorza la nota più acre del lampone....a parer mio (e non solo!) davvero deliziosi!!!

 
Ingredienti per 24 mini muffin
 
75 gr di burro
75 gr di cioccolato fondente
100 gr di nocciole 
125 gr di zucchero semolato
40 gr di farina
3 albumi d'uovo
150 gr di lamponi freschi
 
Procedimento
 
Sciogliere il burro e lasciarlo raffreddare.
Tritare grossolanamente il cioccolato; successivamente tritare le nocciole con parte dello zucchero (circa 80 gr) ed unirli alla farina in una ciotola.
Aggiungere mescolando il burro liquefatto e il cioccolato grattugiato fino a quando non siano ben amalgamati.
Montare a neve gli albumi ed incorporarli gradualmente al composto di cioccolato.
Versare il composto negli stampini da mini muffin e distribuire i lamponi sulla sommità.
Cuocere in forno preriscaldato a 180°-200° per circa 1o-15 minuti, fino a quando risulteranno consistenti al tatto.
Trasferirli su una griglia e lasciarli raffreddare.
 

lunedì 14 ottobre 2013

fette biscottate giganti


...cercate-lette-fatte!
In realtà è da parecchio tempo che avevo in mente di provare a fare le fette biscottate e mi ero già appassionata alla ricetta di Virginia, ma non avendo a disposizione il lievito madre ho sempre rimandato a momenti migliori; poi girovagando in rete, ho trovato questa ricetta di Aria, la cui preparazione prevede il lievito di birra, e non ho saputo resistere!
Complice il fatto che volevo preparare un regalo home-made per il compleanno del mio papà, che è stato sabato, e considerato che lui a colazione mangia solo fette biscottate, ho pensato di fargli cosa gradita preparandogliele io.
Il regalo è stato molto apprezzato e devo dire che anche a me sono piaciute davvero tanto!




Ingredienti
 
625 gr di farina 00
100 gr di zucchero
75 gr di burro
5 gr di sale
2 uova
250 ml di latte
8 gr di lievito di birra

 



Procedimento

Impastare (io ho utilizzato l'impastatrice) la farina con le uova, lo zucchero e il lievito sciolto nel latte tiepido.
Quando l'impasto diventa liscio aggiungere il sale e il burro ammorbidito, poco alla volta, finchè l'impasto sia omogeneo.
Formare un filone e metterlo in uno stampo da plum-cake, precedentemente imburrato. Coprire con un foglio di pellicola e lasciare lievitare fino a quando l'impasto raggiunge il bordo della teglia.
Infornare per circa 35 minuti in forno caldo a 200°; dopo i primi 10-15 minuti coprire il plum cake con un foglio di carta argentata ed abbassare la temperatura a 180°.
Controllare la cottura con uno stecchino, sfornare e lasciar raffreddare completamente.
Tagliare con un coltello seghettato le fette dello spessore preferito (io le ho fatte abbastanza spesse, più di 1 cm), adagiarle su una teglia ricoperta di carta forno, ad una temperatura di 170°, e farle biscottare circa 10 minuti per lato, fino a quando raggiungeranno il tipico colore dorato.

mercoledì 9 ottobre 2013

Pere madernassa al vino


Le pere Madernassa sono tipiche della zona del cuneese e  sono pere che rivelano le loro migliori caratteristiche cotte, anche se si possono mangiare crude, quando mature. L'inizio del raccolto coincide proprio in questo periodo.
Sono pere di dimensioni medio-piccole, buccia sottile piuttosto ruvida, rugginosa, con molte lenticelle irregolari, hanno una polpa bianco-giallognola, croccante.
Dovendo mangiarle cotte perché non aggiungere quel tocco in più che le rende un gradevole fine pasto, un po' frutta, un po' dolce?
Questa è la ricetta "storica" della mia mamma, storica nel senso che fin da quando io ero piccolina ricordo che lei le preparava e a me non era ancora dato assaggiarle...crescendo le cose son cambiate, io le gusto con piacere, ma la ricetta è sempre quella: una garanzia!
La mia mamma ha sempre utilizzato le pere Martin Sec per questa preparazione, ideali per la loro piccola dimensione, per la polpa croccante e soda e dal sapore dolce. La pera Martin Sec, anch'essa tipica piemontese, si raccoglie, però, da metà ottobre a metà novembre.




Ingredienti

1 kg di pere Madernassa
200 gr di zucchero
cannella
1 bicchiere di vino rosso
qualche chiodo di garofano
1 bicchiere di acqua

Procedimento

Lavare bene le pere e disporle in una teglia larga e bassa, in modo da non sovrapporle, ma da affiancarle l'una all'altra ben strette.
Versare l'acqua, lo zucchero, la cannella e i chiodi di garofano e far cuocere per 15 minuti coperte.
Trascorso questo tempo, versare il vino rosso (meglio se ad alta gradazione alcolica) e far bollire fino a quando le pere non risultino cotte.
Prelevare le pere con delicatezza, avendo l'accortezza di non rompere il picciolo e disporle in un piatto da portata. Far addensare il sughetto di cottura, fin quando raggiunga una densità tale da non essere né troppo liquido né troppo solido, considerato che una volta raffreddato tende ad addensarsi ulteriormente.
Versare subito il liquido distribuendolo sulle pere.
Assaporare le pere a temperatura ambiente.

lunedì 7 ottobre 2013

Padellata piccante di salsiccia e zucchine


Non sempre i piatti ricercati, con ingredienti particolari o che prevedono cotture lunghe e complesse sono poi i piatti che preferisce la mia famigliola.
Infatti nella semplicità di questo secondo piatto si racchiudono sapori che il mio maritino definisce strepitosi!
...e allora perché tenerlo scontento???
Assolutamente fondamentale, però, la qualità eccezionale della salsiccia, che nel mio caso è piccante...molto piccante e molto saporita! E' racchiuso lì il segreto della bontà del piatto!


 
Ingredienti
 
300 gr di salsiccia piccante
5 zucchine di media grandezza
olio extravergine di oliva
sugo di pomodoro fresco
 
Procedimento
 
Versare in un tegame un po' d'olio e mettere a rosolare la salsiccia tagliata a pezzetti; dopo 5 minuti unire le zucchine mondate e tagliate a rondelle.
Far cuocere fino quasi a completa cottura.
Aggiustare di sale e mettere un po' di sugo di pomodoro fresco.
La quantità dipende da quanto "rosso" si vuole il piatto; nel mio caso coloro lievemente senza renderlo eccessivamente umido.
Terminare la cottura e servire ben caldo.
 

venerdì 4 ottobre 2013

Crostata ai frutti di bosco

...e auguri nonni!
Questo post sarebbe dovuto uscire mercoledì, in occasione della festa dei nonni, lo so.
Eppure capita, a me spesso, di non riuscire a fare tutto quello che si vorrebbe, di non riuscire a stare dietro a tutti gli impegni che si hanno o che ci si crea...come nel mio caso!!! ;)
...grazie a questo ritardo, però, sono in grado di dire che la torta ha riscosso proprio un grande successo!
Ai nonni è piaciuta tantissimo, è stato apprezzato particolarmente l'accostamento del dolce della crema pasticcera che smorzava il gusto più acidulo dei frutti di bosco.
Insomma un classico che non tradisce mai!



Ingredienti

per la pasta frolla
200 gr di farina
100 gr di zucchero
80 gr di burro
1 uovo
1 tuorlo
1 cucchiaino raso di lievito per dolci

per la copertura
crema pasticcera
frutti di bosco misti

Procedimento

Impastare gli ingredienti per la base di pasta frolla e stenderla dello spessore di almeno 1/2 cm. Foderare una tortiera a fondo estraibile e cuocere in forno preriscaldato a 170° per circa 25-30 minuti.
Nel frattempo preparare la crema pasticcera con 4 tuorli, 5 cucchiai di zucchero, 3 cucchiai di farina, 1/2 litro di latte e la buccia del limone a pezzi.
Far raffreddare la crema pasticcera, eliminare la buccia del limone utilizzata per aromatizzarla, e versarla sulla base di pasta frolla.
Decorare con i frutti di bosco, disponendoli a piacere sulla crema.
Conservare la torta nel frigorifero, ma assaporarla a temperatura ambiente.

lunedì 30 settembre 2013

e tutto ebbe inizio con la semplice

...torta presto fatta!
...già il nome la dice lunga, ed effettivamente è proprio così! Una torta semplice, veloce nell'esecuzione, ma gustosa e morbida che si scioglie in bocca...
Ma perchè tutto ebbe inizio con questa torta? Perchè è stato il primo dolce e dico proprio il primissimo in assoluto, che da bambina ho preparato completamente da sola!
Non ricordo bene quanti anni avessi, probabilmente 10, e ricordo di averla portata agli amici del mio gruppo parrocchiale...da quel giorno era quasi d'obbligo che portassi dolci preparati da me da gustare tutti insieme.
Domenica ho raccontato alle mie figlie la storia di questa torta ed allora mi hanno pregato di poterla preparare anche loro in completa autonomia...e così è stato!
Ecco la prima torta nata dalla collaborazione di Chiara ed Alessia che si sono divertite a fare tutto da sole! Direi che è venuta proprio bene!

 
 
Ingredienti

200 gr di farina
300 gr di zucchero
3 uova
125 gr di burro
1 bicchiere di latte
1 bustina di lievito


 
 
Procedimento
 
Separare i tuorli dagli albumi.
Mescolare ai tuorli lo zucchero, la farina, il latte, il burro sciolto e il lievito.
Montare a neve gli albumi e unirli al composto.
Versare il composto in una teglia imburrata ed infarinata e cuocere in forno preriscaldato a 180° per 40 minuti circa.
 
 

venerdì 27 settembre 2013

Peperoni ripieni della nonna

Talvolta ci sentiamo legati ad alcune piccole cose in modo inspiegabile e le stesse piccole cose assumono un'importanza così grande da poterle ritenere preziosissime, al di là del loro valore intrinseco...
E' il caso di alcune ricette autografe di mia nonna! Lo so, potrà sembrare una sciocchezza, ma data la mia passione per la cucina e il mio desiderio di non perdere le ricette che fanno parte della nostra tradizione familiare, il fatto di possedere anche qualche "scritto" di pugno della nonna mi fa enorme piacere!
E poi, confesso, mi faccio anche qualche tenera risatina nel leggere la terminologia utilizzata dalla mia nonna per indicare ingredienti e/o procedimenti...
 
Questi peperoni sono fantastici, ricordo ancora il sapore di quando da piccina li assaporavo (ebbene si, sono sempre stata una buongustaia!) ed era proprio lei a prepararli e talvolta l'ho anche guardata durante la preparazione...una vera fortuna, perché ora che li ho voluti cucinare io, mi sembrava quasi di averli sempre fatti!
...la mia nonna, in verità, li preferiva cuocere in forno da crudi...io li friggo velocemente prima di riempirli, giusto perché siano un pochino più morbidi ;)
 
 



Ingredienti per 10 peperoni di media grandezza

200 gr di pane grattugiato
100 gr di olive nere denocciolate
1 cucchiaio di capperi
5 alici
1 tazzina da caffè di olio extravergine di oliva
3 tazzine da caffè di latte
3 o 4 tazzine da caffè di acqua
2 uova
1 mazzolino di prezzemolo
6 cucchiai di parmigiano grattugiato
100 gr di formaggio fresco (toma, raschera...)
olio per friggere
sale
sugo di pomodoro fresco

 
 
Procedimento
 
Pulire i peperoni, privandoli del torsolo lasciandoli interi. Friggerli velocemente in abbondante olio, metterli a scolare a testa in giù e poi in ogni peperone mettere un pizzico di sale.
Frullare le olive con i capperi, il formaggio fresco e le alici.
In una terrina mescolare il pan grattato con le uova, il parmigiano, l'olio, il latte e l'acqua ed aggiungere il composto di olive, alici e formaggio.
Mescolare in modo da rendere il composto omogeneo che dovrà avere una consistenza abbastanza morbida.
Si riempiono i peperoni e si dispongono in una teglia uno accanto all'altro, dopo aver ricoperto la teglia di un sugo leggero preparato con uno spicchio d'aglio e basilico. Si ricoprono di sugo e parmigiano e si infornano per 30 minuti circa fino a quando risultino dorati in superficie.
Si assaporano freddi o lievemente tiepidi.

martedì 24 settembre 2013

Maltagliati di grano saraceno con fagioli

Quando l'anno scorso ho partecipato alla raccolta di ricette promossa da Virginia in favore della campagna "Io non mangio da solo", sono stata mossa dal desiderio di poter dare il mio piccolo contributo, ma in realtà non sapevo quanto mi avrebbe coinvolto e quante emozioni mi avrebbe regalato far parte di questo progetto!  



Forse perché mamma di 3 bambini e quindi molto sensibile ai problemi legati a povertà e mancanza di cibo di altre mamme e bambini come noi, forse perché desiderosa di poter contribuire in modo concreto al progetto di Mondo Mlal mi sono fatta travolgere da questa splendida causa, alla quale con il passare del tempo ho dedicato energie ed entusiasmo e alla quale mi sono affezionata molto, cercando a modo mio di coinvolgere tutte le realtà a me vicine.
E' stata un'avventura bellissima e, quando quest'anno Virginia ha proposto di donare una nuova ricetta sempre per Progetto Mondo Mlal ho pensato che non potevo assolutamente mancare!!!

L'anno scorso ci era stato proposto di partire dal pane, elemento primordiale e di unione dei popoli, quest'anno Virgina ci ha proposto di "andare più alle radici della terra, a sgranare chicco dopo chicco i cereali, stadio zero del mangiare quotidiano".

Anche quest'anno le ricette serviranno per realizzare un calendario e un'agenda per il 2014 il cui ricavato andrà a sostegno della campagna "Io non mangio da solo", un insieme di progetti volti ad assicurare un'alimentazione adeguata al neonato e alla sua mamma, promuovere la distribuzione di un pasto al giorno nelle scuole per centinaia di comunità in Africa e America Latina, sostenere progetti di accesso all'acqua potabile e di gestione delle risorse naturali nei paesi più poveri del mondo.

E se "un chicco tira l'altro"...tra i 12 proposti la mia scelta è ricaduta sul grano saraceno.
Data la mia passione nel preparare la pasta fresca in casa, ho optato per questo ingrediente che non utilizzo frequentemente, ma che a parer mio si sposa alla perfezione con la mitica ricetta della pasta e fagioli della nonna!
Anche quest'anno ho scelto appositamente una ricetta semplice, ad alto potere nutritivo che utilizza ingredienti genuini e di stagione come i fagioli, elemento comune a tantissimi popoli e per alcuni base dell'alimentazione.

Chiunque volesse donare la propria ricetta può trovare tutte le informazioni necessarie qui.



Ingredienti per 4 persone

per i maltagliati
200 gr di farina di grano saraceno
2 uova
1 pizzico di sale
1/2 cucchiaio di olio

1 kg di fagioli borlotti freschi da sgranare
200 gr di fondini di prosciutto crudo
1 cipolla di tropea
2 foglie di alloro
sugo di pomodoro fresco
olio extravergine di oliva
peperoncino





Procedimento

Preparare i maltagliati mescolando alla farina di grano saraceno le uova, l'olio e il sale. Stendere con il mattarello ad uno spessore di 2-3 mm e ricavare dei rombi di piccole dimensioni.
Tagliare a pezzetti i fondini di prosciutto e metterli a rosolare nella teglia con olio extravergine, aggiungere la cipolla affettata sottilmente e far rosolare finchè non diventi dorata; quindi aggiungere i fagioli sgranati, l'alloro e coprire con acqua. Non si aggiunge sale perché il prosciutto crudo è già sapido; verificarne comunque a cottura ultimata la sapidità.
Far cuocere per una mezz'oretta e, qualora non fossero ancora cotti, aggiungere acqua calda, in modo che i fagioli a fine cottura non risultino asciutti, ma molto umidi.
A parte preparare un sugo di pomodoro fresco con abbondante peperoncino, che andrà poi unito ai fagioli; far sobbollire qualche minuto.
In un'altra pentola far cuocere i maltagliati fino a metà cottura, trasferirli con parte dell'acqua di cottura nella pentola dei fagioli e continuare fino a cottura completa.
La quantità di acqua dipende dal tipo di piatto che si intende preparare: per una pasta e fagioli sarà inferiore rispetto ad una minestra di pasta e fagioli che richiederà una quantità d'acqua superiore.
Servire ben calda.

venerdì 20 settembre 2013

Tortine pesche e cioccolato e ....

....finalmente un nuovo post!!!
Sono finalmente riemersa da tutti gli scatoloni e da questo trasloco che, sebbene non sia il primo che affrontassi, si è rivelato essere alquanto impegnativo!
Abbiamo cambiato nuovamente città, siamo ri-tornati a Torino la "nostra" città, anche se con il passare del tempo ci sentiamo sempre più cittadini del mondo...

Le fanciulle hanno ricominciato la scuola, hanno cambiato compagni e insegnanti ma, grazie alle fantastiche doti di adattamento che hanno i bambini, devo dire che si sono ambientate bene! E poi qui ci sono i nonni e gli amici-di-sempre che ci hanno aiutato a sentirci subito a casa!
E con il ritorno alla normalità è ricominciata anche la preparazione delle merende home-made per i miei fanciulli affamati di ritorno dalla scuola!
Questa tortina unisce la bontà delle ultime dolcissime pesche, alla golosità del cioccolato a cui è proprio difficile dire di no!




Ingredienti per 6 tortine
180 gr di farina 00
80 gr di Nutella
50 gr di burro
30 gr di zucchero
15 gr di cacao amaro in polvere
1 uovo
un pizzico di sale
1/2 cucchiaino di lievito in polvere per dolci
40 gr di amaretti
60 gr di cioccolato amaro
4 pesche a pasta gialla
2 cucchiai di zucchero di canna chiaro

 

Procedimento
Impastare la farina, il burro ammorbidito, il cacao in polvere, la Nutella, l’uovo, lo zucchero, il sale e il lievito in polvere il tempo necessario per amalgamare tutti gli ingredienti.
Prelevare il composto e formare una palla. Dividerla in sei parti, stendere con il matterello e foderare gli stampini da tortina. Bucherellare con i rebbi di una forchetta il fondo e infornare, in forno preriscaldato a 180°, per circa 20 minuti.
Su un foglio di carta forno sbriciolare gli amaretti pestandoli con il mattarello in modo grossolano. Tenere da parte la metà e distribuirli uniformemente sulle tortine lasciate raffreddare. Versare sopra il cioccolato ridotto a scaglie.
In una padella mettere le pesche private della buccia e tagliate a dadini insieme a 2 cucchiai di zucchero di canna chiaro. Far cuocere per 5 minuti.
Lasciare intiepidire e poi distribuire le pesche sul trito di amaretti e cioccolato.
Guarnire le tortine con gli amaretti sbriciolati e qualche scaglia di cioccolato.

sabato 20 luglio 2013

Torta rustica con le albicocche


Ecco che è arrivato il tempo delle albicocche, un frutto a mio parere delizioso, che mangerei di continuo e allora perchè non utilizzarlo anche per preparare una buona torta?!


Ingredienti

140 gr di farina
50 gr di burro
50 gr di zucchero di canna
60 gr di farina di mandorle
2 uova
1/2 bustina di lievito per dolci

6-8 albicocche
1 cucchiaio di zucchero di canna
1 cucchiaio di burro ammorbidito








Procedimento

Mettere tutti gli ingredienti, ad eccezione delle albicocche, avendo cura di utilizzare il burro a temperatura ambiente, molto morbido, e mescolare con le fruste elettriche.
Lavare e dividere in due le albicocche, eliminare il nocciolo e metterle in una padella con il cucchiaio di burro e lo zucchero di canna. Farle cuocere a fuoco vivo per 5 minuti avendo cura di girarle. Tenerle da parte.
Versare una parte di impasto nella teglia, rivestita di carta forno, adagiare le albicocche e ricoprire con l'impasto restante.
Infornare in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti.







mercoledì 5 giugno 2013

Il tempo delle ciliegie


...che rendono deliziosi questi delicatissimi financiers!
E si, perchè da quando sono diventata allergica alle ciliegie (crude), frutto che adoravo tantissimo, sto tentando di trovare dei modi per poterle assaporare da cotte, anche se poi il gusto è completamente diverso.
Questi financiers sono davvero squisiti, morbidi e delicati e l'abbinamento ciliegie-mandorle è proprio perfetto!


 
Ingredienti per 12 financiers:
125 gr di farina di mandorle
100 gr di zucchero a velo
70 gr di burro
30 gr di farina
2 uova grandi
24 ciliegie



Procedimento
Mescolare la farina di mandorle con lo zucchero e aggiungere le uova lievemente battute. Nel frattempo far sciogliere il burro a fuoco dolce ed incorporarlo al composto, mescolando bene. Aggiungere in ultimo la farina e mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo. Imburrare lo stampo da 12 financiers e riempili con l’impasto. Denocciolare le ciliegie ed inserirne 2 per ogni dolcino.  Far cuocere in forno preriscaldato a 170° per 15 minuti, fino a quando risulteranno dorati ed asciutti internamente.

lunedì 27 maggio 2013

fiorellini alla marmellata di lamponi

 
Ho voglia di primavera, ho voglia di clima mite, di sole che scalda dolcemente e che rallegra le giornate...e visto che tutto ciò un po' mi manca, ho pensato che preparare questi biscottini a forma di fiorellini potesse essere beneaugurante!
Sono ottimi per una merenda tra amici...magari nei prati...se il tempo si decide ad essere clemente!!!
Io li ho preparati con la marmellata di lamponi, ma anche con altre marmellate sono ottimi e, confesso, con la Nutella davvero strepitosi!!!
 
 


Ingredienti

160 gr di farina 00
50 gr di farina di mandorle
70 gr di zucchero
85 gr di burro
1 uovo
1 cucchiaino di lievito per dolci
marmellata di lamponi
zucchero a velo


Procedimento

In una terrina unire le farine con lo zucchero e il lievito.
Aggiungere il burro tagliato a pezzetti e l’uovo e mescolare rapidamente tutti gli ingredienti fino a rendere il composto liscio ed omogeneo. Formare un panetto ed avvolgerlo nella carta velina. Riporre il panetto in frigorifero per un’ora.
Trascorsa l’ora riprendere il panetto e stendere l’impasto, sulla spianatoia infarinata, ad uno spessore di circa 3 mm. Ricavare con un tagliapasta a forma di fiore tanti biscottini. Attenzione: quelli che costituiranno la base del biscotto dovranno essere pieni, mentre quelli che saranno la parte superiore dovranno essere privati del cerchietto centrale.
Sistemare i biscotti su una placca ricoperta di carta forno e infornarli nel forno preriscaldato a 160° per circa 12 minuti, facendo attenzione che non si scuriscano troppo.
Una volta sfornati, lasciarli raffreddare completamente su una griglia.

Procedere alla preparazione dei fiorellini, spolverizzando i biscottini forati con lo zucchero a velo. Spalmare mezzo cucchiaino di marmellata di lamponi sulla base e adagiare il biscotto spolverizzato di zucchero a velo.

venerdì 17 maggio 2013

Maggio ... il mese delle rose...


Maggio, è primavera.
O meglio, dovrebbe essere primavera piena, anche se a ben giudicare dal tempo di queste giornate non si direbbe!
Ma la natura continua il suo corso e così ieri, passando vicino alla rosa del mio giardino, ho visto che i primi boccioli erano sbocciati, con il loro colore fucsia intenso, regalandomi un sorriso e ricordandomi di aver preparato proprio l'anno scorso di questi tempi, questi meravigliosi e delicatissimi dolcetti che non avevo ancora pubblicato.
Inutile dire che i petali che ho utilizzato sono quelli della rosa meravigliosa del mio piccolo giardino!!!


 

 
Ingredienti per 12 mini cupcakes
 
25 petali di rosa ricoperti di zucchero
65 gr di zucchero semolato
65 gr di burro ammorbidito
1 uovo
75 gr di farina 00
1 cucchiaino raso di lievito in polvere
1 cucchiaio di acqua di rose
125 gr di mascarpone
65 gr di zucchero a velo
Qualche goccia di limone
Alcune gocce di colorante rosa per alimenti
 
Procedimento

Se non si hanno i petali di rosa ricoperti di zucchero si possono preparare in casa in modo artigianale.
Raccogliere i petali di rosa e pulirli delicatamente con un tovagliolo di carta, intingerli in un albume lievemente battuto e poi passarli nello zucchero. Adagiarli su una teglia ricoperta di carta da forno e lasciarli asciugare per almeno 24 ore.
Per preparare i mini cupcakes mettere i petali di rosa insieme allo zucchero in un mixer e azionare fino a quando i petali non si riducono in pezzettini.
Versare lo zucchero e i petali in una ciotola e aggiungere tutti gli altri ingredienti. Lavorare il composto fino a quando non risulti soffice e cremoso. Suddividerlo nei pirottini di carta all’interno dello stampo per dolcetti.
Cuocere nel forno preriscaldato a 170° per circa 12 minuti.
Trasferire i dolcetti su una griglia e lasciarli raffreddare.
Nel frattempo mescolare il mascarpone, lo zucchero a velo, il limone e il colorante e spalmarlo sulla sommità delle tortine utilizzando una spatola o una sacca da pasticcere.

 

mercoledì 27 marzo 2013

melting moments alle more

 
Oggi è una giornata un po' così... procede lenta, lentissima, anche se in realtà avrei mille ( e una!) cose da fare.
...sarà perchè la primavera si sta davvero facendo attendere e forse solo lei avrebbe la capacità di risvegliarmi da questo torpore grazie ai suoi colori e profumi così unici... ne avrei proprio bisogno ... e così per consolarmi mi faccio avvolgere dalla scioglievolezza di uno di questi biscottini che hanno lo straordinario potere di risvegliare i miei sensi...
 


Ingredienti per 25 biscotti

180 gr di farina 00
100 gr di maizena
50 gr di zucchero a velo
200 gr di burro
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaino di estratto di vaniglia

per il ripieno

50 gr di burro ammorbidito
100 gr di zucchero a velo
½ cucchiaino di estratto di vaniglia
marmellata di more

 

Procedimento
In una terrina lavorare il burro ammorbidito a crema con lo zucchero a velo usando le fruste elettriche, fino ad ottenere un composto chiaro e soffice.
Aggiungere la farina, la maizena e il lievito nel composto e mescolare.
Formare un panetto ed avvolgerlo nella pellicola.
Riporre il panetto in frigorifero per un’ora.
Trascorsa l’ora riprendere il panetto e formare delle palline della grandezza di una piccola noce. Adagiarle sulle placche da forno ricoperte di carta forno distanziandole tra di loro.
Appiattire leggermente le palline facendo pressione con una forchetta leggermente infarinata e infornarle nel forno preriscaldato a 160° per 12 minuti circa.
Lasciarle intiepidire e trasferirle su una griglia per farle raffreddare completamente.
Nel frattempo preparare la crema al burro per il ripieno: lavorare a crema il burro ammorbidito con lo zucchero a velo e la vaniglia fino ad ottenere un composto chiaro e soffice.
Spalmare mezzo cucchiaino di crema su una metà e mezzo cucchiaino di marmellata di more sull’altra metà, poi unire i biscotti premendo leggermente.
 
I biscotti farciti si conservano per 3 giorni se tenuti in un contenitore ermetico, quelli semplici, fino a 2 settimane.

Un consiglio: la bontà di questi biscotti dipende unicamente dall’ottima qualità del burro utilizzato per prepararli.

martedì 19 marzo 2013

Muffin carote e mandorle

 

Oggi finalmente c'è il sole e il sole, solitamente, mi mette di buon umore.
Dopo questo inverno che sembra non terminare più, volevo festeggiare questa bella giornata con un dolcino che porta con sè un po' di allegria: dei semplici ma sempre graditi muffin alle mandorle e carote!
Sono perfetti per una sana prima colazione ed una gustosa merenda!
 
 
 

 
Ingredienti per 10 muffin
200 gr di carote
100 gr di mandorle
2 uova
100 gr di zucchero
100 gr di farina 00
La buccia grattugiata di 1/2 limone
1/2 bustina di lievito in polvere per dolci
qualche mandorla a scaglie per guarnire

 

Preparazione
Tritare le mandorle e le carote e tenerle da parte.
In una terrina montare i tuorli d’uovo con lo zucchero fino a quando diventano spumosi e chiari. Unire le carote e le mandorle che precedentemente tritate e mescolare. Aggiungere la buccia grattugiata del limone, la farina e il lievito. Mescolare in modo da rendere l’impasto omogeneo.
In ultimo aggiungere gli albumi montati a neve. Mescolare delicatamente dal basso verso l’alto cercando di non smontarli e distribuire l’impasto negli stampini da muffin. Guarnire con le mandorle a scaglie in superficie e infornare nel forno preriscaldato a 170° per circa 20-25 minuti fino a quando avranno assunto un colore dorato.

mercoledì 13 marzo 2013

biscottando...


Quando fuori piove cosa c'è di meglio da fare che dei semplici, ma squisiti canestrelli? Si, lo so, non hanno l'aspetto dei canestrelli, non avendo lo stampino ad hoc, ho dovuto rimediare usando questa delicata formina...sono carini lo stesso, no?
Di sicuro sono buoni, ottimi da gustare con il thè!

 
Ingredienti
 
125 gr di farina
125 gr di fecola
150 gr di burro
125 gr di zucchero a velo + il necessario per guarnire
3 tuorli piccoli sodi
un pizzico di sale
 
Procedimento
 
Mescolare tutti gli ingredienti, avendo cura di setacciare i tuorli sodi, e formare un panetto. Stendere ad un'altezza di circa 1/2 cm e ricavare i biscotti.
Adagiarli su teglie rivestite di carta da forno ed infornare nel forno preriscaldato a 180° per circa 12 minuti.
Far raffreddare e spolverizzare con abbondante zucchero a velo.

mercoledì 6 marzo 2013

Il dolce preferito del maritino???

...ma LA TORTA DI MELE, ovviamente!
E quindi dovendo preparare un dolce per un invito a cena da amici e volendo accontentare anche lui, ho provato una torta che si è rivelata essere deliziosa!
Morbida e gustosa, perfetta per un fine pasto!
 
 
 
 
La ricetta da cui ho preso spunto è del blog Ricordi e Tradizioni, ho modificato la base della torta per assecondare i gusti familiari...
 
Ingredienti
 
per la base di pasta frolla
200 gr di farina 00
100 gr di zucchero
80 gr di burro
1 uovo
1 tuorlo d'uovo
1 cucchiaino di lievito per dolci
 
per la crema alle mandorle
40 gr di farina 00
50 gr di mandorle
60 gr di zucchero
4 cucchiai di panna
100 ml di latte
1 uovo
1 tuorlo
 
2 mele
zucchero a velo per spolverizzare
Procedimento
 
Preparare la pasta frolla mescolando velocemente tutti gli iingredienti. Formare un panetto e poi stenderlo dello spessore di circa 1/2 cm. Foderare con la pasta una tortiera da crostata del diametro di 22 cm.
Preparare la crema frullando le mandorle fino a renderle farina.
In una terrina sbattere l'uovo e il tuorlo e poi aggiungere la farina, la farina di mandorle, lo zucchero, la panna ed il latte mescolando bene con una frusta.
Sbucciare le mele, tagliarle a fettine di uno spessore di circa 3 mm e poi sistemarle nella tortiera rivestita di pasta frolla.
Versare sopra le mele la crema ed infornare in forno preriscaldato a 180° per circa 35 minuti.
Lasciare raffreddare, sfornare e cospargere di zucchero a velo prima di servire.