giovedì 12 febbraio 2015

A carnevale ogni fritto vale!


Castagnole, panzerotti alla nutella e bugie....per non farci mancare nulla!
Io detesto friggere, ma una volta all'anno supero questo mio "odio" nei confronti del fritto e, complici le feste di Carnevale dei miei cuccioli, mi dedico alla preparazione di un Giovedì Grasso che ne valga la pena! Quest'anno poi è stato ancora più divertente perché in cucina non ero sola, ma con la mia mamma! Quanto tempo che non cucinavamo insieme!
Tutto è partito dal voler preparare le bugie per le feste, poi la curiosità mi ha spinto a voler provare una ricetta di castagnole, appuntata su un fogliettino e dimenticata per lungo tempo tra le pagine di un ricettario.
E così alla miriade delle classiche bugie si sono aggiunte le castagnole...poi ho pensato " e se con l'impasto delle castagnole provassi a fare dei panzerotti?".
Detto fatto! Ho steso l'impasto, ne ho ricavati tanti cerchietti, che poi sono andata a riempire con la Nutella.
Ricoperti di tanto zucchero a velo hanno conquistato subito tutti!

 
 
Ingredienti per castagnole e panzerotti
 
300 g di farina
50 g di zucchero
50 g di burro ammorbidito
2 uova
1/2 bustina di lievito in polvere
grappa q.b.
la scorza grattugiata di un limone
olio di arachidi per friggere
 
nutella
zucchero a velo
 

 
 
Procedimento

Mettere tutti gli ingredienti nella planetaria e formare un panetto di un composto omogeneo. Per formare le castagnole ricavare dei salami e tagliare tanti pezzettini da cui formare le palline. Gettarle nell'olio bollente e farle cuocere qualche minuto, avendo l'accortezza di non tenere il fuoco troppo alto per evitare che si brucino in superficie e rimangano crude all'interno.
Per formare i panzerotti, stendere la pasta con il mattarello, ricavarne dei dischi e mettere un po' di nutella all'interno. Sigillare i bordi e cuocerli in olio bollente.
Sia castagnole che panzerotti vanno ricoperti di tanto buon zucchero a velo.


 


Per quanto riguarda le bugie vi rimando alla ricetta già utilizzata l'anno scorso per prepararle.
 

Nessun commento:

Posta un commento